• Nuovo rapporto dell'OIM sul numero di migranti che perdono la vita nel mondo

    Il Global Migration Data Analysis Centre (GMDAC) dell'OIM ha pubblicato un nuovo rapporto sul numero di migranti che hanno perso la vita nel mondo. Dal 2014, sono oltre 23.000 i migranti che risultano morti o dispersi a livello globale. Il rapporto costituisce il terzo volume della serie Fatal Journeys.

I am a migrant

I am a migrant

Notizie

- 29 MIGRANTI MORTI PER IPOTERMIA NEL CANALE DI SICILIA

ARRIVI VIA MARE: 29 MIGRANTI MORTI PER IPOTERMIA NEL CANALE DI SICILIA

it20150210-1.jpg10 febbraio 2015 - La morte per ipotermia di 29 migranti subsahariani, parte di un gruppo di 105 soccorso al largo di Lampedusa dalla Guardia Costiera, segna un infausto inizio per un anno che si annuncia particolamente difficile per quanto riguarda il fenomeno degli arrivi via mare. “Ciò che è accaduto ieri dimostra quanto le operazioni di salvataggio nel Mediterraneo siano assolutamente necessarie”, afferma il Direttore Generale dell’OIM, William Lacy Swing.

- GIORNATA INTERNAZIONALE DEL MIGRANTE 2014

GIORNATA INTERNAZIONALE DEL MIGRANTE 2014 - SWING: NECESSARIO AGIRE IN MODO CONCRETO PER SALVARE LE VITE DEI MIGRANTI

soccorso_in_mare.foto_francesco_malavolta.jpg16 dicembre 2014 - In occasione della Giornata Internazionale del Migrante, che cadrà giovedi prossimo 18 dicembre, il Direttore Generale dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM) William Lacy Swing lancia un appello perchè si intervenga immediatamente per salvare le vite dei migranti e per interrompere il traffico di esseri umani che, speculando sulla disperazione, guadagna enormi somme di denaro.

- TESTIMONI RACCONTANO DI UN NAUFRAGIO CON 47 VITTIME.ARRIVATE ANCHE PERSONE DA KOBANE

TESTIMONI RACCONTANO DI UN NAUFRAGIO CON 47 VITTIME.  ARRIVANO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA PERSONE FUGGITE DA KOBANE

arrivi_in_sicilia.jpg12 dicembre 2014 - Sono 163.369 i migranti e richiedenti asilo arrivati via mare in Italia dal 1 gennaio al 30 novembre 2014. I dati, forniti dal Ministero dell’Interno italiano, mostrano come a novembre siano giunte 9.923 persone, solo un terzo rispetto a 26.107 arrivi registrati nel mese di settembre. Tra i migranti sbarcati in settimana anche sopravvissuti di un naufragio avvenuto il 5 dicembre e una famiglia proveniente da Kobane.

- CONTINUANO GLI ARRIVI VIA MARE VERSO L'ITALIA, 18 VITTIME NEGLI ULTIMI DIECI GIORNI

CONTINUANO GLI ARRIVI VIA MARE VERSO L’ITALIA, 18 VITTIME NEGLI ULTIMI DIECI GIORNI

sbarco_a_porto_empedocle_foto_oim.jpg28 novembre 2014 - Circa 5.100 migranti sono arrivati in Italia nel corso degli ultimi 10 giorni, soccorsi dalle navi che pattugliano le acque del Canale di Sicilia. Secondo le informazioni raccolte dai team OIM presenti sui luoghi di sbarco, sarebbero 18 i migranti che avrebbero trovato la morte in mare in questo periodo.

- L'OIM: "IN AUMENTO IL NUMERO DI POTENZIALI VITTIME DI TRATTA IN ARRIVO VIA MARE"

L’OIM: “IN AUMENTO IL NUMERO DI POTENZIALI VITTIME DI TRATTA IN ARRIVO VIA MARE” 

staffoim-augusta.jpg7 novembre 2014 - Sono 154.075 i migranti arrivati in Italia via mare dall’inizio dell’anno fino al 31 di ottobre. Nonostante ad ottobre si sia registrato un calo degli arrivi di circa il 40 per cento rispetto a settembre, l’OIM Roma sottolinea come vi siano delle tendenze particolarmente preoccupanti: tra queste, la crescente presenza di donne potenziali vittime di tratta

L'OIM: "MARE NOSTRUM NON E' UN FATTORE DI RICHIAMO PER I MIGRANTI"

L’OIM PLAUDE ALL’OPERAZIONE ITALIANA DI SALVATAGGIO MARE NOSTRUM: “NON È UN FATTORE DI RICHIAMO PER I MIGRANTI”

oim-augusta.jpg31  ottobre 2014 - L’OIM rende omaggio – in occasione del lancio dell’operazione dellUnione Europea (UE) Triton nel Mediterraneo – al lavoro eroico svolto delle forze marittime italiane nel salvataggio in mare di migliaia di migranti in cerca di salvezza in Europa."Gli arrivi via mare in Europa sono il risultato delle complesse crisi umanitarie in atto nei paesi circostanti i confini esterni dell’Europa – non delle politiche umanitarie volte al salvataggio di vite umane che tentano di fornire assistenza a coloro che ne hanno bisogno."

- GLI ARRIVI VIA MARE DEL 2014 SONO COMPOSTI PER QUASI LA META' DA SIRIANI ED ERITREI

GLI ARRIVI VIA MARE DEL 2014 SONO COMPOSTI PER QUASI LA METÀ DA SIRIANI ED ERITREI


lampedusa19june.jpg10  ottobre 2014 - Il flusso di migranti e richiedenti asilo arrivati in Italia via mare quest’anno è caratterizzato da una consistente presenza di Siriani (32,681) e di Eritrei (32,537). Il dato, aggiornato al 30 settembre e fornito dal Governo italiano, mostra come nell’ultimo mese i Siriani giunti via mare siano stati circa 9.000.

- L'OIM: QUASI 40.000 I MIGRANTI MORTI NEL MONDO DAL 2000

L’OIM: QUASI 40.000 I MIGRANTI MORTI NEL MONDO DAL 2000



missingmigrantsproject2014_3_2.jpg 29 settembre 2014 - L’OIM presenta oggi il rapporto di “Fatal Journeys: Tracking lives lost during Migration,” la raccolta di dati più aggiornata al mondo relativamente ai decessi di migranti, per terra e per mare. Secondo le stime presentate nel rapporto, sono quasi 40.000 i migranti morti dal 2000: un dato preoccupante, per cui  l’OIM rivolge ai Governi di tutto il mondo un appello a contrastare questo fenomeno.“Il nostro messaggio è chiaro: tanti migranti stanno morendo,” afferma il Direttore Generale dell’OIM William Lacy Swing, “è arrivato il momento di fare di più che contare il numero delle vittime"

- L'OIM: SAREBBERO 500 I DISPERSI DEL NAUFRAGIO AL LARGO DI MALTA

L’OIM: SAREBBERO 500 I DISPERSI DEL NAUFRAGIO AL LARGO DI MALTA

dscn5671.jpg15 settembre 2014 - Sarebbero circa 500 i dispersi del naufragio avvenuto la scorsa settimana a 300 miglia al largo di Malta, e a causare l'incidente sarebbero stati gli stessi trafficanti, che - da una seconda imbarcazione - avrebbero di proposito fatto colare a picco il barcone con a bordo i migranti, con i quali era nato un violento scontro. Due sopravvissuti palestinesi, fuggiti da Gaza, hanno raccontato l'accaduto agli operatori OIM in Sicilia.

- MINORI NON ACCOMPAGNATI: L'OIM ROMA AVVIA LA QUARTA FASE DEL PROGETTO DI RINTRACCIO FAMILIARE

MINORI NON ACCOMPAGNATI: L’OIM ROMA AVVIA LA QUARTA FASE DEL PROGETTO DI RINTRACCIO FAMILIARE

famiglia_in_pakistan.jpg7 agosto 2014 - E’ stata ufficialmente avviata a luglio la quarta fase del progetto: “Family Tracing - Indagini familiari: uno strumento a supporto dell’individuazione di soluzioni durevoli per il futuro dei minori stranieri non accompagnati, residenti in Italia, ivi compreso il ritorno volontario assistito.” Finanziato dal Ministero del Lavoro, il progetto promuove indagini conoscitive utili alla comprensione del contesto di origine del minore