Search

L'OIM oggi

Fondata nel 1951, l'OIM è la principale Organizzazione Intergovernativa in ambito migratorio.

-165 Stati Membri.
- oltre 460 uffici nel mondo
- Personale operativo di oltre 6.690 unità e oltre 2.000 progetti attivi

L'OIM nel mondo

Rapporto Attivita' Anti-Tratta OIM

att_antitratta.jpg
Scarica il rapporto


W3C Certification

CSS Valido!

Rapporto OIM su Castelvolturno

castelvolturno.jpg
Scarica il rapporto

Dati Istat sull'immigrazione in Italia

Inviare le rimesse in patria

logo2.jpg
Per saperne di più
iom_banner2.jpg

   Missione OIM in Italia  



ARRIVI VIA MARE: L’OIM CHIEDE CHE VENGANO PRESE AL PIÙ PRESTO MISURE URGENTI PER AFFRONTARE LA SITUAZIONE

medico siriano appena sbarcato aiuta i soccorritori italianiGinevra 10  giugno 2014 - Il Direttore Generale dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, William Lacy Swing, a seguito dell’arrivo di oltre 5.470 migranti in Sicilia lo scorso fine settimana (che ha portato a oltre 50.000 il numero di migranti e richiedenti asilo giunti via mare in Italia nel 2014),  si appella affinché si agisca al più presto per evitare altre morti nel Mediterraneo.

Leggi tutto...
 
FLASH MOB DELL’OIM ROMA E DEL COMITATO 3 OTTOBRE PER SOSTENERE IL DIRITTO ALLA CITTADINANZA PER I BAMBINI E RAGAZZI STRANIERI NATI IN ITALIA

untitled2.jpg5  giugno 2014 - Si è svolto lunedi 2 giugno, giorno della Festa della Repubblica Italiana, un Flash Mob per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema del riconoscimento della cittadinanza italiana per i bambini e i ragazzi che sono nati o vivono da anni in Italia. L’inziativa è stata organizzata dall’OIM Roma insieme Comitato 3 ottobre e ha avuto luogo a Piazza della Rotonda (Pantheon) a Roma.

Leggi tutto...
 
CELEBRATI A CATANIA I FUNERALI DELLE 17 VITTIME DEL NAUFRAGIO DEL 13 MAGGIO

funerale.jpg30 maggio 2014 - Si sono svolti mercoledì mattina presso il Palazzo della Cultura di Catania i funerali dei 17 migranti morti nel naufragio avvenuto lo scorso 13 maggio nel Canale di Sicilia e i cui corpi erano stati recuperati dai soccorritori della Marina italiana. Una tragedia dal bilancio incerto, ma che, secondo i racconti dei sopravvissuti, potrebbe aver causato più di 60 vittime.

Leggi tutto...
 
CONTINUANO GLI ARRIVI VIA MARE. L’OIM ROMA: “IMPORTANTE PREVEDERE ADEGUATE POLITICHE DI INTEGRAZIONE PER EVITARE UN AUMENTO DEL NUMERO DI MIGRANTI VITTIME DI SFRUTTAMENTO LAVORATIVO” 

oim-augusta.jpg22 maggio 2014 - Sono giunti oggi ad Augusta e a Pozzallo altri 950 migranti, soccorsi in altro mare dalle autorità italiane. Tra questi anche molte donne, nuclei familiari e minori non accompagnati.  Sono ormai oltre 38.000 i migranti che dall’inizio dell’anno sono arrivati via mare in Sicilia. L'emergenza però non è tanto numerica quanto umanitaria e operativa, e a questa situazione si aggiunge anche un’altra preoccupazione: il rischo che molti migranti diventino vittime di sfruttamento lavorativo e di organizzazioni criminali italiane e straniere.

Leggi tutto...
 
LE RACCOMANDAZIONI DELL’OIM ROMA PER UN RAFFORZAMENTO DELLE POLITICHE DI MIGRAZIONE E SVILUPPO IN ITALIA

ms.jpg9 maggio 2014 - L’impatto positivo delle migrazioni sui paesi di origine e di destinazione da un punto di vista socio-economico, finanziario e culturale è ormai un’evidenza sia a livello internazionale sia a livello italiano ed è sempre più chiara l’importanza di riconoscere l’influenza delle dinamiche migratorie sulla cooperazione allo sviluppo.  E’ quanto afferma l’OIM Roma che, alla vigilia del Global Forum su Migrazione e Sviluppo che si svolgerà la prossima settimana a Stocccolma, presenta una serie di raccomandazioni volte a promuovere un inserimento di migrazione e sviluppo nelle strategie della cooperazione italiana.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>


Sostieni la campagna "i am a migrant"

divya.jpg
Per saperne di più

Improved reintegration in Morocco,Tunisia, Senegal

modou_beye.jpg
Per saperne di più

Corso A.MI.CO 2016 a Roma - Aperte le iscrizioni

gruppoa.mi.co2.jpg
Per saperne di più

Progetto SA.FE.

Per saperne di più

Programma di Ritorno Volontario Assistito


RSS 2.0